we dont design menu symbol we dont desig nmenu symbol pink

Art exhibition @Fuorisalone 2018

Mickey Mouse by Mr.Brainwash

“Milan vs New York: from Pop Art to Street Art” è il nome della mostra d’arte temporanea curata da WE DON’T DESIGN in occasione della Milano Design Week 2018.

L’esposizione è un ponte tra la pop e street art americana e quella italiana che include artisti di fama internazionale come Andy Warhol, Mr.Brainwash, Mr.Savethewall, Marco Lodola e altri.

Tutte le opere d’arte sono gentilmente fornite da Deodato Arte, una storica galleria d’arte con sede a Milano.

Deodato Arte è un marchio che ingloba differenti attività quali la promozione, lo sviluppo di progetti e la vendita di arte contemporanea.

La pop art è una corrente artistica della seconda metà del XX secolo che deriva dalla parola inglese “popular art”, ovvero arte popolare. Si interessa della forma e della rappresentazione della realtà.

Questa nuova forma d’arte popolare, in netta contrapposizione con il carattere ostico dell’espressionismo astratto, rivolge la propria attenzione agli oggetti, ai miti e anche ai linguaggi della società dei consumi e si è posta l’obiettivo di superare le convenzioni artistiche del passato, includendo l’immaginario dalla cultura popolare come la pubblicità e le notizie.

andy warhol marylin

Arte di strada o arte urbana (in inglese “street art”) è riferito a quelle forme di arte che si manifestano in luoghi pubblici, spesso illegalmente (senza esplicito permesso), nelle tecniche più disparate: bombolette spray, adesivi artistici, arte normografica, proiezioni video, sculture ecc.

La sostanziale differenza tra l’arte di strada e i graffiti si riscontra nella tecnica non per forza vincolata all’uso di vernice spray e al soggetto non obbligatoriamente legato allo studio della lettera, mentre il punto di incontro che spesso fa omologare le due discipline rimane il luogo e alle volte alcune modalità di esecuzione, oltre all’origine mediatica della terminologia (originariamente nota come graffitismo o writing).

L’arte urbana non è da confondere con i graffiti perché questi ultimi sono da considerarsi una categoria a sé stante, o una sorta di sottocategoria visualmente e concettualmente differente, facente capo alla cultura hip hop.

Il termine inglese “street art” e il suo omologo italiano “arte urbana” rimangono tuttavia piuttosto vaghi e discussi, specie all’interno dell’arte stessa. Il termine ha varie accezioni, sia inclusive che esclusive e non è chiaro il confine dell’arte urbana stessa (quando per esempio questa “migra” su tela). Uno dei pionieri di quest’arte, l’americano John Fekner, descrive la street art come “tutto quello che sta in strada che non siano graffiti”.

L’esposizione avrà sede da Officine Milano in Via De Sanctis, 30 e durerà dal 17 al 22 di Aprile.

Tag:, , , , , , , , , , ,
Share

This is a unique website which will require a more modern browser to work!

Please upgrade today!